Home / Ricorsi attivi / Concorso Straordinario 2020 – Concorso per soli titoli

Concorso Straordinario 2020 – Concorso per soli titoli

A cosa serve il ricorso?

In relazione al Concorso Straordinario, alla luce degli ultimi emendamenti approvati, si comunica che risultano evidenti profili di illegittimità in danno dei docenti che pur avendo maturato i requisiti di servizio richiesti per la partecipazione al Concorso Straordinario (3 anni scolastici o almeno 180 giorni per ciascun anno scolastico) in Istituti statali che, alla luce delle previsioni del bando concorsuale, potrebbero essere esclusi dalle operazioni di immissione in ruolo, nonostante abbiano maturato i requisiti per la stabilizzazione diretta.

Quali sono i requisiti?

Il presente ricorso, quindi, è rivolto ai docenti che POSSONO partecipare al Concorso Straordinario, ma che richiedono che il Concorso sia realmente finalizzato alla immissione in ruolo di TUTTI i docenti che hanno maturato 3 anni di servizio, consentendo alle scuole di funzionare regolarmente.

Infatti, i docenti in possesso dei requisiti previsti dal bando concorsuale, potrebbero essere ingiustamente estromessi dalle operazioni di immissione in ruolo, in ragione della prova selettiva prevista dal Ministero.

Pertanto, al fine di tutelare i docenti precari che hanno maturato il servizio richiesto, ed evitare una loro illegittima esclusione dalle operazioni di immissione in ruolo, lo Studio Legale scrivente intende presentare ricorso, in via cautelativa, al fine di:

  • ottenere l’annullamento della prova scritta prevista nel bando concorsuale e, conseguentemente, la partecipazione al Concorso con i soli titoli conseguiti, in quanto coloro che sono in possesso dei titoli di partecipazione richiesti dal bando hanno maturato almeno tre annualità di servizio e, pertanto, hanno maturato diritto alla stabilizzazione;

  • impugnare quanto previsto per la prova di inglese e di informatica, per i quali è richiesto un livello di conoscenza superiore a quanto richiesto per i precedenti concorsi. In particolare, nella presente procedura si richiede un livello di conoscenza della lingua inglese di livello almeno pari a B2, che, in particolar modo per i docenti ITP costituisce uno standard sicuramente troppo elevato rispetto a quanto richiesto nei precedenti concorsi;

  • ottenere l’ampliamento dei posti banditi con la procedura concorsuale, con la quale si prevede l’immissione in ruolo di 24.000 nuovi docenti, insufficienti a ricoprire la carenza di organico, in quanto i posti disponibili sono pari a 60.000 posti;

  • contestare la quota di partecipazione pari ad euro 40,00, per ciascuna delle procedure per cui si concorre, ritenuta decisamente esosa, anche rispetto alle quote di partecipazione richieste nelle precedenti procedure concorsuali, mai superiori ad € 10,00 per ciascuna classe di concorso;

Entro quale termine si può aderire al ricorso?

La suddetta documentazione deve essere inviata allo Studio Legale Marone entro il 11 giugno 2020. In ragione dell’emergenza COVID, la documentazione può essere inviata a mezzo email all’indirizzo adesioni@studiomarone.com. Successivamente al periodo emergenziale, qualora necessario, Le comunicheremo le modalità per l’invio della documentazione in originale.

Quanto costa il ricorso?

Il costo del ricorso è pari ad euro 140,00 (euro 110,00 per gli iscritti alle Associazioni convenzionate o iscritto al Servizio Legale Leggescuola – Iscriviti qui) senza ulteriori oneri, e può essere corrisposto a mezzo Bonifico Bancario.

Come aderire?

Per aderire al ricorso, compili il form in basso per la richiesta informazioni, o chiami al 0812298320 o 0280889115 o 0510216438 o 0621119564 o 0808807328 o 0890978347 o 08231608874 o 08251687034, e riceverà tutta la documentazione e le istruzioni.

L’adesione al ricorso non comporta l’obbligo di iscrizione  a nessun sindacato e/o associazione.

Richiedi informazioni per aderire al Ricorso:

Accetta l'informativa sulla privacy e il trattamento dei dati.*


Serve aiuto?
Powered by