Home / Ricorsi archiviati / Inserimento nelle graduatorie ad esaurimento (GAE) per i docenti – Ricorso al Presidente della Repubblica – Ricorso contro il DM 495 del 22 giugno 2016

Inserimento nelle graduatorie ad esaurimento (GAE) per i docenti – Ricorso al Presidente della Repubblica – Ricorso contro il DM 495 del 22 giugno 2016

Inserimento nelle graduatorie ad esaurimento (GAE) per i docenti – Ricorso al Presidente della Repubblica – Ricorso contro il DM 495 del 22 giugno 2016

A cosa serve il ricorso?

Il ricorso è finalizzato all’inserimento degli abilitati e degli abilitandi all’insegnamento nelle Graduatorie ad Esaurimento (GAE) provinciali.

Il ricorso proposto innanzi al Presidente della Repubblica, è avverso il Decreto Ministeriale 495 del 2016, di aggiornamento delle Graduatorie ad Esaurimento, ed è volto al riconoscimento del diritto all’inserimento nelle GAE dei docenti in possesso di:

  • Diploma Magistrale conseguito prima dell’a.s. 2001/2002;
  • TFA;
  • PAS;
  • Diploma di Laurea in Scienze della Formazione;
  • Abilitazione all’insegnamento da Concorso.

Si precisa che il ricorso innanzi al Presidente della Repubblica ha dei tempi di decisione più lunghi rispetto al TAR per l’inserimento con riserva (cautelare) nelle GAE, ma la decisione finale, cui conseguirebbe l’inserimento a pieno titolo nelle GAE, si ottiene solitamente nei medesimi tempi del TAR.

Quali sono i requisiti?

Lo Studio Legale Marone sta predisponendo i ricorsi  per i seguenti profili:

  •  coloro che hanno conseguito il Diploma Magistrale entro l’a.s. 2001/2002;
  •  coloro che hanno conseguito l’abilitazione avendo partecipato al TFA o al PAS;
  •  coloro che frequentano, anche se con riserva, il PAS;
  •  coloro che abbiano conseguito il diploma di laurea in Scienza della Formazione immatricolati entro l’a.a. 2007/2008 e non abbiano presentato richiesta di inserimento nelle GAE;
  •  coloro che abbiano conseguito il diploma di laurea in Scienza della Formazione;
  •  coloro che abbiano conseguito l’abilitazione all’insegnamento da Concorso ante 2012.

Possono aderire al ricorso anche coloro che hanno già aderito ad altri ricorsi (TAR o Consiglio di Stato o Presidente della Repubblica o Giudice del Lavoro) e/o che risultino inseriti in GAE in forza di un provvedimento cautelare (ordinanza cautelare del Consiglio di Stato e/o ottemperanza).

Per coloro che hanno già aderito recentemente al ricorso avverso il DM 495/2016 innanzi al TAR Lazio, si sconsiglia di aderire a questo ulteriore ricorso che rappresenterebbe solo una duplicazione.

Entro quale termine si può aderire al ricorso?

Alla luce delle ulteriori richieste, si comunica che il termine per l’adesione è per il giorno 17 ottobre 2016 (data di invio della raccomandata 1), entro cui la documentazione deve essere consegnata a mezzo raccomandata 1, allo Studio legale Marone, Via Luca Giordano, 15  (80127 Napoli), con contestuale invio della documentazione a mezzo email all’indirizzo segreteria@studiomarone.com

Quanto costa il ricorso?

Il costo del ricorso è pari ad euro 200,00 (euro 170,00 per gli iscritti alla Uil scuola Campania) senza ulteriori oneri, e può essere corrisposto a mezzo Bonifico Bancario.

Come aderire?

Per aderire al ricorso, compila il form in basso per la richiesta informazioni, o chiama al 081.229 83 20, e riceverà tutta la documentazione e le istruzioni.

L’adesione al ricorso non comporta l’obbligo di iscrizione  a nessun sindacato e/o associazione.