Home / Leggi e regolamenti per la scuola / CCNL 2008/2009 II biennio economico

CCNL 2008/2009 II biennio economico

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro
relativo al personale dell’Area V della Dirigenza per il secondo biennio
economico 2008-2009

Il giorno 15 luglio 2010, alle ore 12.30, presso la sede dell’ARAN, ha avuto luogo l’incontro
tra:

l’ARAN nella persona del Commissario Straordinario

Consigliere Antonio Naddeo firmato

ed i rappresentanti delle seguenti Confederazioni e Organizzazioni Sindacali:

per le Confederazioni Sindacali:
CGIL firmato
CISL firmato
UIL firmato
CONFSAL firmato
CIDA firmato

Per le OO.SS. di categoria :

FLC/CGIL firmato
CISL/SCUOLA firmato
UIL/SCUOLA firmato
CONFSAL/SNALS firmato
ANP firmato

Al termine della riunione le parti hanno sottoscritto l’allegato Contratto Collettivi Nazionale
di Lavoro relativo al personale dell’Area V della Dirigenza per il secondo biennio
economico 2008-2009.
1
CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO
PER IL PERSONALE DIRIGENTE DELL’ AREA V
BIENNIO ECONOMICO 2008-2009

Art. 1 Campo di applicazione, durata, decorrenza, tempi e procedure di
applicazione del contratto…………………………………………………
1

Art. 2 Incrementi trattamento economico fisso………………………… 1

Art. 3 Effetti dei nuovi trattamenti economici………………………….. 2

Art. 4 Finanziamento della retribuzione di posizione e di risultato……… 2

Art. 5 Disposizioni finali………………………………………………… 3

Dichiarazione congiunta n. 1…………………………………………….. 4

Dichiarazione congiunta n. 2…………………………………………….. 5

Dichiarazione a verbale…………………………………………………. 6 2
CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO
PER IL PERSONALE DIRIGENTE DELL’ AREA V
BIENNIO ECONOMICO 2008-2009
Art. 1
Campo di applicazione, durata, decorrenza,
tempi e procedure di applicazione del contratto
1. Il presente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro si applica ai dirigenti
scolastici dell’Area V, come definiti dall’art. 2 del CCNQ 01/02/2008, nonché ai
dirigenti delle Istituzioni del Comparto AFAM, laddove presenti. Nel testo che
segue il predetto personale verrà indicato col termine “dirigente”.
2. Il presente contratto si riferisce al periodo 1 gennaio 2008 – 31 dicembre 2009
e concerne gli istituti del trattamento economico di cui ai successivi articoli.
3. Gli effetti giuridici decorrono dal giorno della sottoscrizione, salva
l’indicazione di una diversa decorrenza nel corpo del contratto stesso. La stipula
conclusiva si intende avvenuta al momento della sottoscrizione da parte dei
soggetti negoziali a seguito del perfezionamento delle procedure di cui all’art.
47 e 48 del d. lgs. n. 165/2001.
4. Per quanto non previsto dal presente contratto collettivo, restano in vigore le
disposizioni dei precedenti CCNL, nel rispetto della normativa contenuta nel
Decreto legislativo n. 150 del 27/10/2009 e di quella adottata in attuazione del
medesimo, che sono comunque fatte salve.
Art. 2
Incrementi trattamento economico fisso
1. Lo stipendio tabellare previsto dall’art. 23 del CCNL per il quadriennio
normativo 2006-2009 e per il biennio economico 2006-2007, è incrementato dei
seguenti importi mensili lordi, per tredici mensilità, con decorrenza dalle date
sottoindicate:
– dal 01/04/2008 di € 15,74;
– rideterminato dal 01/07/2008 in € 26,24;
– rideterminato dal 01/01/2009 in € 103,30.
2. Per effetto degli incrementi indicati al comma 1, il valore dello stipendio
tabellare, a regime, è rideterminato in € 43.310,90 annui lordi, comprensivi del
rateo della tredicesima mensilità.
3. La retribuzione di posizione parte fissa di cui all’art. 23, comma 3 del CCNL
per il quadriennio normativo 2006-2009 e per il biennio economico 2006-2007, 3
è rideterminata a decorrere dall’1/1/2009 in € 3.556,68 annui lordi, comprensivi
del rateo di tredicesima mensilità.
4. Gli incrementi di cui al comma 1 assorbono e comprendono gli importi
erogati a titolo di indennità di vacanza contrattuale.
5. Al fine di non pregiudicare il potere di acquisto del trattamento economico
fisso, gli incrementi di cui al presente articolo non concorrono al riassorbimento
di quanto previsto dall’art. 58, comma 3 del CCNL dell’11/4/2006 (quadriennio
normativo 2002-2005 e biennio economico 2002-2003).
Art. 3
Effetti dei nuovi trattamenti economici
1. Gli incrementi di cui all’art. 2 hanno effetto integralmente sulla tredicesima
mensilità, sul trattamento ordinario di quiescenza, normale e privilegiato,
sull’indennità di buonuscita, sul trattamento di fine rapporto, sull’equo
indennizzo e sull’indennità alimentare.
2. Gli effetti del comma 1 si applicano alla retribuzione di posizione nella
componente fissa e variabile in godimento.
3. I benefici economici risultanti dall’applicazione dell’art. 2 sono corrisposti
integralmente alle scadenze e negli importi ivi previsti al personale comunque
cessato dal servizio, con diritto a pensione nel periodo di vigenza contrattuale.
4. Agli effetti dell’indennità di buonuscita, del trattamento di fine rapporto,
dell’indennità sostitutiva di preavviso e di quella prevista dall’art. 2122 del cod.
civ., si considerano solo gli scaglionamenti maturati alla data di cessazione dal
servizio.

Art. 4
Finanziamento della retribuzione di posizione e di risultato
1. Il fondo unico nazionale per la retribuzione di posizione e risultato è costituito
e continua ad essere finanziato secondo quanto disposto dall’art. 25 del CCNL
per il quadriennio normativo 2006-2009 e per il biennio economico 2006-2007.
2. Il fondo di cui al comma 1 è ulteriormente incrementato di € 6.073.602,00, al
netto degli oneri riflessi a carico dell’amministrazione, a decorrere dal 1/1/2009.
3. Le risorse di cui al comma 2 concorrono al finanziamento degli incrementi
della retribuzione di posizione parte fissa definiti all’art. 2, comma 3 e, per la
parte residua, sono destinate alla retribuzione di risultato. 4
Art. 5
Disposizioni finali
1. In attuazione dell’intesa tra MIUR e organizzazioni sindacali del 29/4/2010,
le parti torneranno ad incontrarsi per la sottoscrizione dell’accordo relativo al
riconoscimento dei benefici economici in ordine alla integrazione delle risorse
contrattuali, entro trenta giorni dalla emanazione dello specifico atto normativo
e dei conseguenti indirizzi, contenenti gli appositi stanziamenti aggiuntivi.
2. In relazione all’obiettivo della equiparazione retributiva dei dirigenti
dell’Area V con la restante dirigenza pubblica, in coerenza con quanto stabilito
dall’ordine del giorno della Camera dei Deputati (A.C. 1746 Bis – A), le parti
concordano di rinviare al prossimo rinnovo contrattuale, nel rispetto delle
autonome determinazioni del comitato di settore, l’ulteriore esame delle
connesse problematiche e la definizione delle più opportune soluzioni, nella
direzione del suddetto riallineamento retributivo. 5
Dichiarazione congiunta n. 1
In relazione all’art. 5, comma 1 ed alla sequenza contrattuale ivi prevista, le parti
sono concordi nel ritenere che il confronto sugli ulteriori benefici economici
debba prioritariamente affrontare i problemi di perequazione retributiva interna
all’area, evidenziati nel corso del negoziato relativo al presente CCNL.

6
Dichiarazione congiunta n. 2

L’utilizzazione di eventuali stanziamenti aggiuntivi – in attuazione dell’intesa
29-4-2010 richiamata nel presente CCNL, con la quale si dovrebbe rendere
disponibile la somma una tantum di 5 milioni di euro con il primo atto
normativo utile – e’ comunque condizionata all’emanazione del predetto atto
normativo, che individui la provenienza e la copertura finanziaria delle predette
risorse che, in ogni caso, non potrebbero che valere sulle disponibilità a
legislazione vigente nell’ambito dello stato di previsione del Ministero
dell’istruzione, università e ricerca. 7
Dichiarazione a verbale
Il presente rinnovo contrattuale (biennio economico 2008/2009), in applicazione
dell’articolo 9, comma 4, del decreto legge 31 maggio 2010, n.78, non potrà
comportare aumenti retributivi superiori al 3,2%.